Per innamorarsi di Milano bisogna conoscerla un po’ in tutti i suoi aspetti e una particolare caratteristica piena di fascino di questa città è la presenza, ancora oggi, delle case di ringhiera.

Passeggiando nella zona dei Navigli, dove molti pittori e artisti hanno i loro studi, può capitare benissimo, di entrare in alcuni portoni aperti e rimanere affascinati dalla vista delle case di ringhiera.

Questo tipo di casa era molto diffusa all’inizio del 900’ per ospitare il ceto operaio e raccontano uno stile di vita di condivisione con i vicini, un tempo molto più diffuso di oggi.

Dunque, le case di ringhiera erano semplici residenze popolari per gente comune che lavorava. Se ne contano ancora circa 70 mila, in zone come Brera o sui Navigli. Per lo più queste case sono state ristrutturate internamente ma hanno conservato l’esterno originario.

La zona di Corso San Gottardo

Uno dei quartieri più affascinanti per conoscere la realtà delle case di ringhiera è quello dei Navigli, in particolare la zona di corso San Gottardo, dove convivono le versioni più glamour e le abitazioni più fedeli alle case di ringhiera di una volta.

In prevalenza di colore giallo o rosso, di solito composte da tre a un massimo di sei piani, si distinguono per alcune peculiarità. Caratteristica principale di questo tipo di casa è il ballatoio comune che percorre l’intero edificio e su cui si affacciano le porte di ingresso delle singole abitazioni.  

Non era facile vivere in una casa di ringhiera in passato, perché mancavano alcuni comfort, dati per scontato oggigiorno, come il bagno in comune per tutti e spesso non vi era nemmeno l’acqua corrente, e luogo di socializzazione, oltre al ballatoio, diventava l’ampio cortile comune.

Le case di ringhiera oggi

Oggi le case di ringhiera hanno mantenuto i caratteristici ballatoi e cortili ciottolati ma non sono le abitazioni spartane e rustiche di una volta: gli appartamenti sono ora forniti di bagni privati, ascensori (alcune) e le più moderne comodità. Fortunatamente, non si è perso lo spirito che animava questi luoghi. 

Quando passeggiate per Milano e vedete un portone aperto,  affacciatevi dentro e assaporate un po’ dello spirito di una Milano tradizionale,ricca di storia e di tradizioni ancora vive. 

In particolare, consigliamo un giro in Corso San Gottardo: spettacolare il cortile-strada del civico 14 e sull’Alzaia Naviglio Grande dove nella magnifica corte delle botteghe degli artisti, Alzaia Naviglio Grande 4, vi attendono foto e dipinti delle case di ringhiere.

 

Prima che la memoria si appanni e che i ricordi vengano cancellati, ecco narrato in questo libro il mondo degli anni 60′ e delle case di ringhiera a Milano..Clicca qui

Da non perdere..!!…ti consiglio una piacevole lettura: Milano. La città dei 70 borghi.….Clicca qui

 

 

 

 

Post simili

Lascia un commento

Change Pricing Plan

We recommend you check the details of Pricing Plans before changing. Click Here



$99Unlimited daysPay Per Listing0 regular & 0 featured listings


Active

$Unlimited daysPackageUnlimited regular & featured listings


×

Powered by WhatsApp Chat

× Come posso aiutarti?